I provvedimenti del Governo (DPCM del 22 marzo, 25 marzo e del 10 aprile 2020) che hanno introdotto nuove e più stringenti restrizioni alle attività produttive, prevedono comunque la prosecuzione di tutte quelle attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere indicate nell’Allegato, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali, di cui pure è prevista la prosecuzione. Per le imprese rientranti nei condici Ateco inseriti nell'allegato al Decreto l'attività produttiva può proseguire senza alcuna comunicazione alla Prefettura.
(Non conosci l'Ateco della tua azienda?
Clicca qui)
Fac-simile per filiere produttive
La continuità produttiva è assicurata attraverso una procedura semplificata, basata, in questo caso, su una comunicazione al Prefetto competente per territorio, anche per le imprese che fanno parte delle filiere che lavorano per le aziende comprese nei Codici Ateco dell'Allegato al Decreto, così come per le aziende dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali. Nella comunicazione andranno indicate le imprese o le amministrazioni destinatarie delle attività svolte.
Di seguito il fac-simile per la dichiarazione:
scarica il fac-simile per filiere produttive
Per le imprese del territorio tutte le comunicazioni vanno inviate all’indirizzo email: prefettura.varese@interno.it  
Fac-simile per ciclo continuo
Allo stesso tempo, il DPCM prevede la prosecuzione delle attività degli impianti a ciclo continuo, la cui interruzione determinerebbe un grave pregiudizio all'impianto o un pericolo di incidenti. Anche in questi casi è prevista una comunicazione al Prefetto, che può sospendere l’attività qualora ritenga che non sussistano le condizioni di necessità. (L’attività, pur a ciclo continuo, finalizzata a garantire l’erogazione di un servizio pubblico essenziale non è comunque soggetta all’invio della comunicazione).
Di seguito il fac-simile per la dichiarazione:
scarica il fac-simile impresa a ciclo continuo
Per le imprese del territorio tutte le comunicazioni vanno inviate all’indirizzo email: prefettura.varese@interno.it  
Fac-simile per aerospazio e difesa
Ancora, sono consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale, previa in questo caso autorizzazione del Prefetto competente.
Di seguito il fac-simile per la dichiarazione
: scarica il fac-simile impresa aerospazio e difesa
Per le imprese del territorio tutte le comunicazioni vanno inviate all’indirizzo email: prefettura.varese@interno.it  
Importante precisazione: le imprese che hanno già effettuato, sulla base di precedenti DPCM la comunicazione al Prefetto, non sono tenute a fare una nuova comunicazione.
Fac-simile per attività sospese
I provvedimenti del Governo consentono, anche per le attività sospese, e previa comunicazione al Prefetto, l’accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti, attività di pulizia e sanificazione. È anche consentita, sempre previa comunicazione al Prefetto, la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino, nonché la ricezione di beni e forniture.
Di seguito il fac-simile per la dichiarazione: scarica il fac-simile accesso alle attività sospese
Per le imprese del territorio tutte le comunicazioni vanno inviate all’indirizzo email: prefettura.varese@interno.it  
Per approfondimenti
Scarica l'informativa del Prefetto di Varese
Comunicazione del Ministero dell’Interno alle Prefetture        
Comunicazione della Prefettura di Varese alle imprese


Per informazioni contattare la struttura operativa dell'Unione