L'Unione Europea ed il Canada hanno deciso che il "Comprehensive Economic and Trade Agreement – CETA" entrerà in vigore, sebbene in maniera provvisoria, a partire da giovedì 21 settembre 2017.


Da quella data, le imprese europee e canadesi potranno beneficiare di importanti facilitazioni negli scambi commerciali bilaterali; prima tra tutte, la (progressiva) riduzione dei dazi che gravano sulle merci importate (leggi l’Approfondimento).

Sin dal primo giorno di entrata in vigore dell'Accordo, infatti, le aziende italiane potranno usufruire di agevolazioni daziarie nelle operazioni con il Canada, ponendo quindi le basi per un rilancio delle relazioni economiche bilaterali, già rinsaldate dai recenti incontri dei Governi italiano e canadese.


Per poter sfruttare queste opportunità, le imprese dovranno procedere ad un'analisi delle Regole di origine contenute nell'Allegato 5  del CETA, e verificare che i propri processi di approvvigionamento/produzione rispettino le previsioni contenute in tale testo.


Al riguardo, si segnala che il Comprehensive Economic and Trade Agreement è un Accordo di "nuova generazione" e presenta molteplici differenze rispetto agli standard fin'ora osservati: le Regole di origine presentano caratteristiche distintive e prevedono alcune lavorazioni precedentemente escluse dalle "conferenti origine".


Un'ulteriore differenza è rappresentata dalle modalità di ottenimento delle agevolazioni daziarie, in presenza di spedizioni di valore superiore ad euro 6.000,00 (e con merci aventi carattere originario nell'ambito degli scambi di tipo preferenziale); le aziende dovranno ottenere, dal competente Ufficio delle Dogane:
  • la certificazione di Esportatore Autorizzato, fino al 31 dicembre 2017;
  • la registrazione nella banca dati REX, dal 1° gennaio 2018.
Con spedizioni di valore ad euro 6.000,00, non è prevista l'emissione del certificato Eur1.


Rimane invece invariata la prassi in presenza di spedizioni con valore fatturato inferiore ad euro 6,000,00, per le quali è ammessa la dichiarazione in fattura.




Clicca qui per accedere alle notizie sul Comprehensive Economic and Trade Agreement – CETA  

Clicca qui per accedere ad altre notizie sull'Origine delle merci.