Indagine congiunturale III trimestre 2020: infografica interattiva


Dopo due trimestri segnati da risultati fortemente negativi, il terzo trimestre 2020 segna un rimbalzo rispetto ai mesi precedenti. Questo è quello che emerge dall’ultima indagine congiunturale dell’Ufficio Studi dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese. Si tratta di un rimbalzo però parziale e prevedibile, che emerge dopo due trimestri segnati dal lockdown e dal fermo di diverse produzioni, nonché della domanda. L’allentamento delle misure per contrastare la pandemia ha riavviato progressivamente le filiere rimaste ferme durante il lockdown e permesso un riavvio dei consumi, ciò spiega il rimbalzo nei mesi estivi registrato nell’industria sia a livello provinciale che nazionale. Siamo però ancora lontani dal colmare le profonde perdite registrate: il Centro Studi Confindustria ha stimato un calo del PIL italiano del -10% nel 2020, che porta i livelli indietro a quelli di 23 anni fa, e prevede un recupero parziale del +4,8% nel 2021. Determinante sarà l’evoluzione della pandemia nei prossimi mesi, ma anche la capacità di riattivare la domanda interna e gli investimenti, dando spinta alle filiere produttive. Cruciale sarà il Recovery Plan. 

Produzione

Sotto il profilo della produzione, il terzo trimestre 2020 registra un rimbalzo rispetto al trimestre precedente e il saldo nelle risposte (pari alla differenza tra la percentuale di risposte positive e negative) torna a essere positivo (+19,6 punti percentuali): infatti il 47,4% delle imprese intervistate ha segnalato livelli produttivi in aumento rispetto al secondo trimestre, il 27,8% in calo, il 24,8% stabili. In leggera crescita anche il dato sul grado di utilizzo degli impianti che si ferma al 71,4%, dopo aver toccato il suo minimo storico (65,7%) nella scorsa rilevazione di aprile-giugno, ma che rimane comunque al di sotto del dato del trimestre estivo dello scorso anno (77,8%). Risultati, è però bene precisare, differenziati tra settori e riferiti ad un trimestre, quello estivo, che si confronta con i mesi precedenti in cui, in alcune filiere, i livelli produttivi si erano quasi azzerati. 
Infatti, guardando ai comparti, il rimbalzo congiunturale riguarda diverse filiere, come la moda, che nei mesi precedenti avevano registrato un fermo. Permangono anche delle differenze sul fronte dell’intensità e della stabilità di questo recupero: alcune filiere a monte delle catene produttive, come la chimica per l’industria, non hanno ancora avuto benefici diretti da questo parziale rimbalzo del sistema economico perché necessitano di tempi di trasmissione più lunghi. La situazione appare quindi molto diversificata e frammentata. 
Le previsioni sulla produzione per l’ultimo trimestre 2020, raccolte nei primi 10 giorni di ottobre, prima delle nuove misure messe in atto dal Governo per contrastare l’emergenza sanitaria, sono orientate ad una stabilizzazione e ad una prosecuzione del graduale recupero dei livelli produttivi (pandemia permettendo). Il 46,8% delle imprese intervistate si aspetta, infatti, un aumento della produzione, il 41,8% il permanere dell’attuale situazione e l’11,4% un peggioramento. Tuttavia, il gap che si è venuto a creare nella prima parte dell’anno è profondo e la via per il recupero appare ancora lunga e impervia. Lo testimoniano anche in via indiretta i dati grezzi di consumo elettrico industriale. Terna ha infatti recentemente elaborato un indice (IMCEI) che monitora i consumi industriali di circa 530 clienti “energivori” in Italia connessi alla rete di trasmissione elettrica nazionale. Nel terzo trimestre 2020 quest’indice è cresciuto del 15,5% rispetto al secondo trimestre, ma confrontando i dati 2020 con quelli dello scorso anno (a parità di calendario), è evidente nei primi nove mesi di quest’anno un calo considerevole dei consumi elettrici industriali: -11,5%. La stessa dinamica è stata rilevata a livello provinciale: i dati di consumo del consorzio dell’Unione Industriali, EnergiVa, su un campione di aziende1 della provincia di Varese, hanno registrato un aumento dei Gwh consumati dalle aziende nel terzo trimestre 2020 rispetto al secondo trimestre (+4,2%), dovuto al “crollo” registrato ad aprile (-34% rispetto ad aprile 2019), e variazioni negative, ma sempre meno marcate nei mesi seguenti. Complessivamente, guardando ai dati grezzi monitorati nei primi nove mesi del 2020, il consumo elettrico industriale è calato, rispetto allo stesso periodo del 2019, del -12,8%

Stante queste premesse, per recuperare quanto perso molto dipenderà dall’evoluzione della situazione sanitaria nei mesi invernali e dalle risposte che saranno messe in campo.

Ordini

Anche la dinamica del portafoglio ordini segna un rimbalzo rispetto al trimestre precedente, trainato dalla progressiva ripresa dei consumi. Il confronto anche in questo caso avviene con il secondo trimestre dell’anno, che aveva registrato dati fortemente negativi (il saldo nelle risposte era stato pari a -54,1 punti percentuali) a causa del blocco della domanda. Con riferimento agli ordinativi complessivi, il saldo torna ad essere positivo (+35,5 punti percentuali), dalle risposte raccolte risulta infatti che il 53,3% degli intervistati ha segnalato ordini in recupero, il 29% stabili e il 17,7% in peggioramento. Anche gli ordinativi esteri segnano un rimbalzo, anche se meno marcato (il saldo nelle risposte in questo caso è pari a +21,1 punti percentuali). La ripresa nei prossimi mesi dipenderà molto anche dalla capacità di tenuta e di crescita degli ordini.

Mercato del lavoro

Nel terzo trimestre 2020, in base ai dati INPS, nell’industria varesina sono state autorizzate complessivamente (ordinaria, straordinaria e deroga) 8.109.337 ore di cassa integrazione guadagni, pari a circa 13 volte quelle autorizzate nel terzo trimestre dello scorso anno. Guardando al periodo gennaio-settembre 2020, complessivamente sono state autorizzate 39.177.193 ore di cassa integrazione guadagni nell’industria varesina (mentre nello stesso periodo dello scorso anno ammontavano a 4.388.868).

Clicca qui per scaricare il report
Clicca qui per leggere il comunicato stampa con la dichiarazione del Presidente Roberto Grassi
Clicca qui per consultare lo storico delle indagini
Clicca qui per accedere ai dati sul commercio estero



 economia  Indagine Congiunturale