Unione degli Industriali della Provincia di Varese
Varesefocus

Novembre 2000

 

 

 

Troppe alluvioni, il Varesotto
va sempre K.O.

Danni per 77 miliardi, 400 imprese colpite. Ancora poco si è fatto per evitare i disastri causati dai corsi d’acqua.

L’emergenza è passata, la grande paura e i danni rimangono.
A un mese dall’alluvione che ha devastato una larga fetta della provincia di Varese, è ora il momento delle analisi e delle riflessioni. Che sono amare, come troppo spesso è accaduto in un passato anche recente. Le cifre sono ancora una volta impressionanti: su 141 Comuni della provincia, ben 45 hanno dichiarato danni, per un totale di 77 miliardi stimati dalla Prefettura.

Soltanto per l’apparato economico le cifre evidenziano perdite dell’ordine delle decine di miliardi: 400 le imprese coinvolte. Attorno ai 12 miliardi i danni subiti dall’apparato industriale.

Le località lungo il Lago Maggiore sono state devastate: nella sola Luino si parla di danni per circa 18 miliardi subiti dalle strutture private, tra case e immobili a uso abitativo ed esercizi commerciali; duramente colpito anche il patrimonio comunale, con danni quantificabili attorno ai 3 miliardi.


Altrettanto devastante è stata la forza delle acque del Verbano a Laveno Mombello e a Sesto Calende, dove pure il Ticino ha faticato a rientrare nel suo letto. Ad Angera, poi, sono stati stimati in 850 milioni i danni alle abitazioni, in 3 miliardi quelli alle strutture pubbliche e in 1,2 miliardi quelli alle strutture del commercio e dell’industria.
Il Lago Maggiore nelle scorse settimane ha toccato quota 197,70 metri sul livello del mare: è cresciuto, quindi, di 4,69 metri rispetto allo zero idrometrico, che è di 193,01 metri. Questa volta, insomma, sono stati tanti i centimetri in più (trenta per la precisione) rispetto al record dell’ultimo secolo, che si era verificato nel 1993 con un’esondazione alta 4,39 metri. Ma possiamo, purtroppo, aspettarci anche di peggio: i dati sulle piene del lago ci dicono, infatti, che nei secoli precedenti il Verbano è stato capace di ben altro. In assoluto, l’anno più catastrofico fu il 1868, quando il livello dell’acqua crebbe di quasi sette metri! Più indietro, nel 1840, i metri raggiunti furono quasi cinque.

Se la storia è veramente maestra di vita, non possiamo evitare di alzare con forza la richiesta alle autorità competenti di agire in modo adeguato e al più presto.
Al contrario, il futuro delle genti del Verbano potrebbe, di nuovo, essere pieno d’incertezze. Più benigna, questa volta, è stata la sorte con gli abitanti della Valle dell’Olona. Merito, in verità, non soltanto della buona sorte, ma anche di alcune opere che, finalmente, sono state realizzate. E così a ottobre - risparmiati gli insediamenti produttivi e le località a nord - a essere colpita, parzialmente, è stata la sola città di Legnano.

Nella notte fra domenica 15 e lunedì 16, il fiume Olona è fuoriuscito in via Milano devastando l’ex palazzina dei vigili, oggi sede dell’Associazione musicale Jubilate, di alcune società sportive e di altri sodalizi. Danni per un centinaio di milioni tra computer, mobili, strumenti musicali e altre attrezzature distrutte. Sono stati distribuiti 2.500 sacchetti di sabbia e transennate le zone cittadine più a rischio, come il punto in piazza Carroccio dove la pressione dell’acqua (il fiume scorre sotto il livello della strada) ha aperto una lunga crepa. Il livello delle acque è, poi, lentamente sceso, ma la paura resta.

L’Olona, infatti, ormai ciclicamente va soggetto a piene che colpiscono duramente l’intera Valle. Le sue esondazioni hanno procurato nel recente passato, a più riprese, ingentissimi danni sia alle attività produttive, sia agli insediamenti abitativi. L’alluvione del settembre 1976 causò danni per oltre 51 miliardi: tra la fine di settembre e la metà di novembre il fiume ruppe gli argini tre volte. Gravissimi, poi, i bilanci delle devastazioni del 1992 (si parla di circa 250 miliardi) e del 1995. Anche negli anni Sessanta, però, - e ancor prima nel 1951 - il fiume aveva fatto le bizze.

Eppure negli anni Ottanta vennero individuate delle possibili soluzioni per il contenimento del rischio di esondazione: in primo luogo, la cassa di laminazione a Malnate, in località Ponte di Gurone, e, successivamente, altri manufatti simili posti più a valle lungo il corso dell’Olona.

Proprio nel 1980 l’Associazione per la tutela del fiume Olona e del suo territorio (costituita da una serie di imprese industriali) finanziò il progetto di massima della cassa di laminazione, che fu presentato nel luglio del 1981.

Il progetto venne condiviso e fatto proprio dal Magistrato del Po, che addirittura lo portò ad ulteriori sviluppi mediante la previsione di altre casse di lavorazione poste lungo l’asta del fiume.
Nel 1990 iniziarono i lavori di costituzione, ma il miliardo e mezzo a disposizione venne utilizzato non per realizzare la diga, bensì un’opera diversa che doveva avere la funzione di preservare in caso di spagliamento dell’acqua (cioè la laminazione della piena) dei vecchi mulini abbandonati, in località Ponte di Gurone.
Fatti i lavori per tutelare i Mulini dalle acque in spagliamento, non ci furono più i quattrini per fare la diga che lo spagliamento avrebbe dovuto provocare.
Da allora, non è stato fatto più nulla.
Negli anni immediatamente successivi furono stanziati altri 25 miliardi, poi portati a 35, che tuttavia non si è riusciti paradossalmente ad impiegare per motivi eminentemente burocratici: un’interminabile via crucis di pareri, osservazioni e riunioni ha impedito la riapertura dei cantieri. Eppure la cassa di laminazione di Gurone è indispensabile proprio perché è la prima di una serie di opere analoghe da costruire più a valle.
Intanto, la spada di Damocle del rischio idrogeologico pesa sul futuro di migliaia di famiglie e di sessantamila lavoratori delle aziende della Valle Olona.

La diga di Gurone: vent’anni di ostacoli

Il progetto della cassa di laminazione, presentato nel luglio del 1981 su iniziativa dell’Associazione per la tutela del fiume Olona e del suo territorio, non ha ancora trovato attuazione. Ad oggi la situazione è così riassumibile:

35 miliardi sono disponibili per realizzare l’opera.
• Il progetto esecutivo è stato approvato da parte del Magistrato del Po nel giugno 1997.
• La Corte dei Conti, delegazione di Parma prima e Sezione di Controllo poi, non ha ancora concesso il visto sul provvedimento del Magistrato del Po.
• Il Magistrato del Po, considerato il rilievo dell’opera, ha richiesto al Ministero dei Lavori Pubblici di attivare la procedura di registrazione con riserva.
• Nel luglio del 1998, il Ministero dei Lavori Pubblici ha interessato della questione la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
• In una legge di accompagnamento alla Finanziaria ‘99, il problema sembrava aver trovato una soluzione legislativa e nel giugno del 1999 il Magistrato del Po ha sollecitato la definizione della questione.
• Nell’ottobre ’99, l’allora Ministro dei Lavori Pubblici Micheli assicurò all’Assessore Regionale Bertani un suo decisivo intervento presso la Corte dei Conti per ottenere la registrazione con riserva e dare così il via ai lavori.
• Il Magistrato del Po, all’inizio del 2000, ha più volte risollecitato il Ministro dei Lavori Pubblici.

Nel frattempo, l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese è più volte intervenuta con sollecitazioni presso il Magistrato del Po, la Prefettura di Varese e l’Assessorato ai Lavori Pubblici della Regione Lombardia. Tutti i soggetti interessati hanno confermato la necessità dell’opera. Nessuno, anzi, ne ha messo in dubbio l’urgenza…

Top

 

Le alluvioni:
ecco i costi per la collettività in provincia di Varese

1951: non c’è memoria dell’entità dei danni
1976: danni per oltre 56 miliardi (corrispondenti, se attualizzati ad oggi, a 380 miliardi)
1992: danni per 250 miliardi
(ad oggi 319 miliardi)
1995: danni per 183 miliardi (ad oggi 204 miliardi)
2000: danni per 77 miliardi
(prima stima)
I dati dimostrano che fare le opere di prevenzione costa meno che risarcire i danni, anche perché alluvioni e conseguenti risarcimenti si stanno ripetendo con frequenza sempre più ravvicinata. E se queste opere pregiudicano in parte l’ambiente… meglio rovinare un prato che decine e decine di strade, ponti, abitazioni, negozi, fabbriche. E’ anche il caso di pensare, probabilmente, ad una forma di assicurazione generalizzata, del tipo di quelle per gli incidenti stradali.
II risarcimenti sarebbero più cospicui di quanto lo Stato riesce a fare con la finanza pubblica e i premi assicurativi potrebbero essere lievi proprio per via della generalità dei soggetti assicurati.
Del resto, nel nostro Paese, chi può davvero considerarsi immune da rischio alluvionale?

Top

 

Eppure le opere servono…

L’alluvione si è lasciata alle spalle una catena di sofferenze e rovine enormi: una tracimazione intensa, continua, silenziosa, devastante. Strade, prati, abitazioni e strutture economiche sommersi.
Danni per miliardi e miliardi. Eppure, laddove anche nel Varesotto durante gli ultimi anni gli interventi si sono fatti con razionalità e nel rispetto dell’ambiente, questa volta la forza dell’acqua non ha potuto far valere la sua furia devastante.
Qualche esempio? Nella zona del Gallaratese sia l’Arno sia il Rile e il Tenore, che nel passato recente avevano ridotto nel fango intere famiglie e centinaia d’aziende, ecco che a ottobre, nonostante la pioggia battente e continua per una settimana, hanno continuato a fluire regolarmente nei rispettivi alvei.
Non a caso, opere di contenimento sono state realizzate a Cassano Magnano all’indomani della notte tremenda fra il 12 e il 13 settembre 1995 e, inoltre, lungo l’asse del torrente Arno, da Castronno a Samarate. Si è trattato di lavori importanti fatti eseguire dal Magistrato per il Po, insieme a quelli avviati, dopo l’alluvione del 1995, dal Presidente della Provincia Massimo Ferrario, in quella circostanza nominato Commissario Straordinario per superare l’emergenza. Ebbene, nelle scorse settimane quelle aree sono state solo sfiorate dall’emergenza.
A Castellanza anche nell’ultima circostanza la paura è stata notevole. L’Olona, però, è rimasta trenta centimetri sotto la soglia di guardia.
Tutto casuale? Non lo crediamo affatto. Pensiamo, invece, che le opere realizzate dal 1995 a oggi per prevenire le esondazioni abbiano dato i loro frutti. Sono stati abbattuti, tra l’altro, dall’attuale amministrazione guidata dal Sindaco Livio Frigoli, i fatiscenti edifici della ex Manifattura Tosi che, stando a cavallo fra le due sponde, facevano anche da tappo. Sono stati rifatti e alzati gli argini, è stato sistemato il sedime.
Non basta: interventi dello stesso spessore sono stati condotti anche nella parte alta del corso dell’Olona, nella zona della Folla di Malnate.
Chiunque, lo scorso anno, percorrendo la statale Como-Varese, si è potuto accorgere che per parecchie settimane le ruspe e gli uomini sono stati in azione per togliere gli impedimenti al regolare flusso delle acque.

Insomma, le opere, quando sono realizzate, servono.

Top

 

 


 

Editoriale
Focus
Politica
L'opinione
Territorio

Vita associativa
Formazione
Case History
Università
Storia dell'industria
Natura
Arte
Costume
In libreria
Abbonamenti
Pubblicità
Numeri precedenti

 

Territorio

Una provincia in ferrovia…
ma sarà vero?

Lo scalo Hupac a Gallarate, l’unificazione delle stazioni FS e Nord a Varese e Busto Arsizio, il tram-treno fra la stessa Busto e Castellanza. La nostra provincia si mette sul treno. Almeno sulla carta…

IL SOTTOPASSO A CASTELLANZA: UN’ALTRA STORIA INFINITA?


Troppe alluvioni, il Varesotto
va sempre K.O.

Danni per 77 miliardi, 400 imprese colpite. Ancora poco si è fatto per evitare i disastri causati dai corsi d’acqua.

La diga di Gurone: vent’anni di ostacoli

Le alluvioni:
ecco i costi per la collettività in provincia di Varese

Eppure le opere servono...

Il mio tessuto offre più comfort del tuo…

Al Centro Tessile Cotoniero
e Abbigliamento di Busto Arsizio
un nuovo servizio alle imprese grazie
a un laboratorio unico in Italia.

Genesi e missione

Marchio Oeco-Tex Standard 100: superata quota 2.000 certificati

LE PROVE DI LABORATORIO PIU’ AVANZATE

Da Sidney
con un carico di medaglie

Due argenti e due bronzi nel bottino degli atleti varesini alle Olimpiadi australiane.


 

Inizio pagina  
     
Copyright Varesefocus
Unione degli Industriali della Provincia di Varese
another website made in alesco