Unione degli Industriali della Provincia di Varese
Varesefocus

Giugno 2000

 
 


Orientamento permanente per scegliere il proprio futuro

Uno psicologo ci suggerisce alcuni strumenti per un domani pieno di soddisfazioni nel mondo del lavoro.

"La modernità è il transitorio, il fuggitivo, il contingente".
Quando Baudelaire - in un celebre saggio di critica d'arte - introduce il concetto di "modernité", immediatamente lo associa alla nozione di "novità". In termini antitetici tradizionali, insomma, la nostra sembra essere l'epoca che trascura l'eterno per il temporale, il costante per il transitorio, l'essere per il divenire. Molti, quindi, i talenti richiesti per sopravvivere e - ancor più - per vivere in un tempo siffatto (eterogeneo, rapido, composito, frammentato), quando il passato getta, ormai, poca luce sul presente e il futuro appare non facilmente prevedibile. Talenti (sapere, saper fare, saper essere) il cui sviluppo si pone, per giunta, come obiettivo di formazione permanente per uomini come noi, che la problematicità dell'epoca rende perenni "dilettanti della vita" (Thomas Mann), impegnati in un tirocinio di esperienza destinato a non concludersi mai in scienza od arte definitiva.
Cruciale - fra le attitudini richieste - la capacità d'orientarsi. Nel senso traslato di "raccapezzarsi, ritrovarsi, indirizzarsi ad uno scopo", la parola rappresenta un francesismo da noi entrato nell'uso comune solo nel '900 (di conio, viceversa, italiano "orizzontarsi"). In campo socio-psicologico, il termine "orientamento" viene generalmente usato per indicare sia l'azione di orientarsi del soggetto di fronte al proprio problema di scelta scolastica o lavorativa sia l'intervento professionale realizzato dagli operatori per supportare l'individuo in questo compito.

Le diverse specificazioni, che spesso accompagnano il termine "orientamento" (informativo, psicodiagnostico, educativo, computer-assisted) si riferiscono invece semplicemente alle modalità di intervento utilizzate per quello che rimane, in ogni caso, un intervento di educazione alla scelta.
Un processo formativo volto a "permettere all'individuo di assumere consapevolezza delle sue caratteristiche personali e di svilupparle in vista delle sue scelte di studio e professionali nel corso dell'esistenza". In questa definizione di orientamento - proposta dall'Unesco nel 1970 - due significativi assunti di base:
1) anche nel caso in cui si faccia ricorso a psicologi, esperti di counseling, esperti del mercato del lavoro e del mondo della scuola o si utilizzino supporti informatici, protagonista del processo orientativo rimane l'individuo cui spetta assumere in prima persona la responsabilità della scelta;
2) l'orientamento non può che essere nello stesso tempo scolastico e professionale, come il concreto percorso di vita che inevitabilmente collega scelte di studio e di lavoro.
Come il saggio cinese che al discepolo affamato offre non il pesce, ma la canna da pesca, così noi al giovane bisognoso di orientamento (in quanto, per esempio, impegnato nel passaggio da un ciclo di studi all'altro) dobbiamo dunque fornire non consigli o risposte definitive, bensì adeguato supporto metodologico. Modi di procedere che favoriscano una presa di decisione non impulsiva, non fatalistica, non subìta, non procrastinata, non interminabile, non angosciata, bensì razionale e strutturata. Frutto di un approccio globale che tenga conto degli aspetti psichici, sociali, economici, educativi, informativi del problema, senza unilateralmente enfatizzarne uno soltanto.

In estrema sintesi, si tratta, anzitutto, di dare risposta (realistica ed articolata) a due domande di base:
• Chi sono? Quali sono le mie aspirazioni e quale il mio atteggiamento verso il futuro? quali i miei interessi scolastici, extrascolastici e professionali? che cosa so e che cosa so fare? in quale ambito riesco meglio? come mi comporto? come apprendo? cosa pensano di me gli amici, i genitori, gli insegnanti? quale significato attribuisco allo studio? come vedo il lavoro? ... (a queste informazioni di fonte soggettiva si possono naturalmente aggiungere altre di carattere più "oggettivo" derivabili dall'utilizzo di strumenti psicometrici di valutazione).
• Cosa mi offre la società? Quali sono le professioni possibili? quale la situazione delle professioni tradizionali? quali sono le professioni nuove? e quelle emergenti (intese come quelle la cui occupazione cresce più della media)? quali competenze richiedono? quali sono le prospettive di occupazione, le caratteristiche della domanda e dell'offerta sul mercato del lavoro di riferimento? quali sono i percorsi formativi disponibili? di quali fonti informative posso disporre? ... (l'ordine delle domande sta a suggerire che la scelta dell'attività lavorativa preceda la scelta di un particolare percorso formativo, allo scopo di non confondere il mezzo con il fine).

Ampliata così ed approfondita la conoscenza di se stessi e del mondo professionale, si cercherà poi di individuare come alternative di scelta alcuni progetti scolastico/professionali.
Tali progetti vanno quindi valutati attraverso il confronto fra le caratteristiche formative e occupazionali del lavoro e i bisogni e le caratteristiche della persona. Confronto tanto più proficuo quanto più realisticamente ancorato alla verità fattuale del profilo personale, da una parte, e del quadro di mercato, dall'altra.
Da tale confronto potrà derivare una classificazione delle preferenze, con al primo posto la scelta considerata migliore.
Scelta dell'alternativa migliore da cui, infine, potrà nascere - come ultima tappa del processo di presa di decisione orientativa - l'elaborazione e l'attuazione di un adeguato piano d'azione volto a realizzare l'obiettivo prescelto.

Claudio Lucchini


 

Editoriale
Focus
Lavoro
Territorio
Politica
L'opinione
Formazione
Vita associativa
Case History
Università Cattaneo
Storia dell'industria
Natura
Arte
Cultura
In libreria
Abbonamenti
Pubblicità
Numeri precedenti

 

Formazione

Orientamento permanente per scegliere il proprio futuro

Uno psicologo ci suggerisce alcuni strumenti per un domani pieno di soddisfazioni nel mondo del lavoro.


Così il sistema educativo vince la sfida della globalizzazione…

Il futuro in settori decisivi come quelli della scuola e della formazione professionale si gioca nella capacità di rispondere alle sfide della qualità e della competitività

Inizio pagina  
     
Copyright Varesefocus
Unione degli Industriali della Provincia di Varese
another website made in alesco